"Eravamo un paese per giovani"


Presentazione del libro di Velia Iacovino e Marcello Giannotti

“EravamoRoma, 25 maggio 2016. Presso la Società Dante Alighieri, in Piazza Firenze, Ancislink ha presentato il libro “Eravamo un paese per giovani” Intermedia Edizioni.
Il giornalista Giampiero Marrazzo ha introdotto gli interventi del Prof. Otello Lottini (Università Roma Tre), del Prof. Paolo Acanfora (Università IULM), della Dott.ssa Adriana Pannitteri (giornalista TG1), del Prof. Franz Ciminieri (presidente Ancislink) e degli autori, Velia Iacovino e Marcello Giannotti.
Due giovani studenti del Liceo Visconti hanno letto brani del libro.
È seguito un dibattito vivace e suggestivo.

L'intervento di Velia Iacovino

"Il Risorgimento italiano? Una storia di ragazzi e ragazze"


È uscito ‘Eravamo un paese per giovani’, l’unità d’Italia raccontata come in un selfie

Si intitola “Eravamo un Paese per giovani” il libro uscito in questi giorni che racconta il Risorgimento italiano come una storia di ragazzi e ragazze con un linguaggio contemporaneo.

“EravamoScritto dai giornalisti Velia Iacovino e Marcello Giannotti, il libro, edito da Intermedia, racconta la storia di ragazzi come Enrico Tazzoli, Bianca Milesi, Enrichetta Di Lorenzo, Ciro Menotti, Rosa Rangoni, Michele Morelli e Cristina Belgiojoso, protagonisti, eroi e martiri del Risorgimento, che decisero di dedicare la loro vita a un ideale in cui credevano. “Un selfie per il Risorgimento italiano”, questo il sottotitolo del libro, entra direttamente e senza accademie nel vivo degli anni che fecero l’Italia.

Dieci storie di ragazzi raccontate con un linguaggio attuale ma rigorosamente basate sulle fonti storiche. Da Michele Morelli alle tre giardiniere di Milano, Bianca Milesi, Maria Gambarana e Metilda Viscontini, protagonisti dei moti del 1820 e 1821; da Ciro Menotti, eroe dei moti del 1830, a Rosa Rangoni, la donna che fu condannata per aver cucito il primo tricolore. Da Enrico Tazzoli, il giovane sacerdote dei martiri di Belfiore, a Andrea Aguyar, il Moro arrivato da terre lontane, attendente di campo di Giuseppe Garibaldi; dal 12enne Righetto, il piccolo grande eroe della Repubblica Romana, a Cristina di Belgiojoso, la principessa che dedicò la sua vita ad aiutare la causa del risorgimento italiano. Da Enrichetta Di Lorenzo, la compagna di Carlo Pisacane che seguì il suo uomo senza riuscire a fermare la tragedia di Sapri, a Jessie White, la giornalista inglese che incontrò i più importanti protagonisti dell’unità italiana.

A fare da filo conduttore, un narratore d’eccezione, lo scrittore Alexandre Dumas, amico di Garibaldi. Dieci storie senza sosta, raccontate come un’avventura emozionante e non come un noioso volume da imparare a memoria. Un manuale, corredato di note, bibliografia e schede biografiche, vivo e diretto, che attinge a piene mani alla storia ma che la racconta con toni, parole e emozioni della nostra epoca. Con l’obiettivo di appassionare e far scoprire e riscoprire ai ragazzi italiani nativi digitali la storia del Risorgimento italiano, di farli identificare con i loro coetanei che 200 anni fa scelsero il coraggio e l'orgoglio della loro età.

Giulia Brunori